Tasse sulle chat?

Visite: 43

Tasse sulle chat?

Gli SMS e le comunicazioni simili son decisamente in crisi, ormai nessuno le utilizza più, ma qualche stato vuole cercare di aiutare le aziende di telocomunicazione a recuperare questo tipo di mercato. 

In Spagna si sta discutendo sull'eventualità di introdurre una tassa per le varie applicazioni di telecomunicazioni, Whatsapp, Telegram, Skype etc. L'obiettivo è quello di costringere i colossi del tech a versare una tassa al govero che in questo modo potrebbe sgravare i costi di mantenimento della rete dai provider internet. 

Le intenzioni di Madrid sono quelle di imporre una tassa aggiuntiva di circa 1€ ogni 1000, questo potrebbe essere un problema non solo per le aziende ma soprattutto per gli utenti. Infatti, se ricordate, Whatsapp alcuni anni fa era a pagamento, ma dopo l'acquisizione di Facebook, il servizio è diventato gratuito. I servizi di messaggistica potrbebero diventare a pagamento, ma come? 

Sappiamo infatti che una VPN possiamo localizzarci in un altro stato del mondo, quindi se Facebook o chi per esso dovesse mettere a pagamento l'applicazione solo in Spagna, uno spagnolo potrebbe localizzarsi ovunque nel mondo per non pagare. Quindi i servizi rischierebbero di diventare a pagamento in tutto il mondo? Non penso proprio che una cosa del gener possa accadere, perché questa aziende guadagnano quasi sempre grazie ai dati che ottengono, di conseguenza ridurrebbero il loro mercato qualora diventassero a pagamento. 

Quindi qualora i servizi di chat diventassero a pagamento in Spagna non penso ed è improbabile che queste diventino a pagamento, anche se non sappiamo come potrebbero reagire le altre nazioni ad una cosa del genere. 

ElfioDeGalbia

Categoria: