Biden, pronto a distruggere il mercato

Visite: 183

Biden, pronto a distruggere il mercato 

Con l'elezione di Joe Biden, in molti pensavano che ci sarebbe stata una distensione nei rapporti tra USA e Cina, infatti dopo la faticosa amministrazione Trump che aveva dichiarato la guerra dei dati alla Cina, in molti pensavano che la presidenza democratica questa sarebbe potuta finire. 

Le presidenza Biden vuole addirittura inasprire le imposizioni alla Cina, quindi per le varie aziende cinesi non ci si aspetta un buon proseguimento. Nel maggio 2019 era iniziata la guerra tra Trump e la Cina, quando aveva pubblicato un progetto basato su 5 punti che avrebbe portato i colossi informatici cinesi alla crisi. In punti principali per escludere la Cina dal mercato americano erano 

  • Clean carrier: rimozione delle antenne Huawei dalla rete americana
  • Clean store: rimozioni della app cinesi ritenute pericolose dal Play Store e dall'App Store
  • Clean apps: divieto di preinstallare e installare applicazioni americane su dispositivi cinesi 
  • Clean cloud: divieto di salvare dati, personali, sensibili di cittadini americani su cloud di colossi cinesi
  • Clean cable: impedire che i cavi che collegano gli USA al resto del mondo possano essere manomessi dalla Cina

Il governo Trump è riuscito ad applicare solamente i primi due punti, soprattutto il primo. La presidenza Biden vuole addirittura rendere peggiore la situazione per i produttori cinesi che andrebbe a colpire la produzione di processori e SoC. Questa decisione arriva dopo un disastroso 2020 in cui molti produttori americani e non hanno faticato a trovare i chip. 

Proprio per questo Biden vorrebbe applicare ulteriori paletti all'esportazione di questi prodotti in Cina, rendendo pressoché impossibile la loro esportazione. Biden però a differenza di Trump vuole attaccare ancora più radicalmente la Cina, infatti vuole chiedere agli alleanti (si pensa la blocco Nato) di fare la stessa cosa, mettendo quindi a dura prova il mercato dell'informatica. 

Infatti la maggior parte delle aziende produttrici di cip sono americane, basti pensare a Intel, AMD e Qualcomm che da sole occupano quasi la totalità del mercato, a loro si aggiungono Apple, Samsung e Meditek, oltre a aziende che producono diversi tipi di processori. Se Biden riuscisse a ottenere quello che vuole, solamente Meditek potrebbe fornire processori per i produttori cinesi. Il produttore però non ha né i mezzi per accontentare le richieste del mercato né le possibilità, infatti se la produzione avviene in Cina molto spesso vengono utilizzate tecnologie americane, questo porterebbe il collasso di diversi colossi. 

Infatti Xiaomi, Oppo, OnePlus, Vivo, Realme e Huawei non potrebbero accedere al mercato dei chip, distruggendo il mercato degli smartphone in quanto rimarrebbero solo pochi produtti di smartphone non cinesi, in particolare Samsung, Apple, Sony, Lg, Google e Microsoft (sempre se continuerà), questo è sicuramente un problema per il mercato, vediamo cosa accadrà nei prossimi mesi e quale sarà la risposta di Xi Jimping. 

———————————————————————————————————————————-

Trovi fantastiche offerte sui nostri canali dedicati alle migliori offerte shopping!

1️⃣ Canale Tech 🖥

https://t.me/googlehomeitaliachannel

2️⃣ Canale Casa e Hobby 🏠 

https://t.me/OfferteScontiCoupon


✅ Visita il nostro Gruppo Telegram dedicato Google Home & Company 
🌐 https://t.me/googlehome_italia 
Oppure dai uno sguardo al nostro Network ricco di altri gruppi tematici 
🌐 https://t.me/SmartRadarNetwork

ElfioDeGalbia

Categoria: